Stampa

As Roma i Giovani 2013/2014

Di tutti i giovani del vivaio mandati a “farsi le ossa” nella scorsa stagione l’unico a far parte della rosa affidata a Rudy Garcia è Gianluca Caprari , 2 gol l’anno scorso a Pescara, uno proprio alla Roma, di testa(!). A dire il vero i rientri a Trigoria sarebbero 3, considerando Borriello (prestato però non certo per fare esperienza) ed il portiere Francesco Proietti Gaffi (al Fano la scorsa stagione), riaggregato, come fuori-quota, alla Primavera di De Rossi.
Analizzando la “spedizione” di quest’anno in serie A troviamo 5 calciatori:il “maturo” Curci prestato nuovamente al Bologna ed altri 4 giovani in comproprietà: Lopez (93) passato all’Udinese nell’ambito dell’ affare Benatia, Antei riscattato dal Sassuolo, Bertolacci rimasto al Genoa, dove si è trasferito in prestito anche Stoian il cui cartellino è al 50% di proprietà del Chievo Verona.
Altri romanisti giocheranno all’estero: J.Angel  è ritornato alla Real Sociedad, fresca di qualificazione in Champions League, Mladen , di ritorno dall’esperienza nella prima divisione rumena nelle fila del Vitorul Constanta (dove è stato compagno dei nuovi giallorossi Balasa e Vina) è passato in prestito ai portoghesi dell’Olhanense, allenati dall’ex romanista Abel Xavier.Per il rumeno l’esordio non è stato dei migliori, la sua partita è durata solo 66 minuti per colpa di 2 cartellini gialli. Infine la Ligue 1 ha accolto Tallo  e Crescenzi , passati in prestito all’Ajaccio allenato da Ravanelli,squadra in cui milta l’ex giallorosso Ricardo Faty.
In serie B i giovani romanisti sono 9, di cui ben 4 a Pescara :Politano e Piscitella in comproprietà,Viviani e Frascatore in prestito. Nelle prime 2 giornate l’unico che ha potuto mettersi in evidenza è stato Frascatore, Politano è infortunato,Viviani si è appeno ripreso mentre Piscitella ha giocato solo i minuti di recupero a Trapani. Sempre in comproprietà troviamo Barba all’Empoli,Sabelli al Bari, Pettinari al Crotone ( per lui una doppietta al Latina in Coppa Italia,in campionato ancora non ha potuto giocare a causa della squalifica subita  nell’ultima giornata dello scorso campionato). A Cesena è ritornato in prestito D’Alessandro, mentre al Palermo di Rino Gattuso si è trasferito Valerio Verre (in comproprietà con l’Udinese).
In seconda divisione belga (Fc Brussels) giocherà il terzino francese Yamnaine.
In Prima divisione di Lega pro sono 8 i giallorossi, 5 ceduti in prestito: 3 all’Aquila (Frediani,Ferrante e Ciciretti,quest’ultimo salterà l’inizio di stagione per l’infortunio ad una mano subito in precampionato),M. Ricci al Grosseto,Svedkauskas alla Paganese ( ha parato un rigore nella sconfitta a Benevento all’esordio).
In comproprietà invece sono stati ceduti Sini al Perugia e Rosato alla FeralpiSalò (dove trova gli ex primavera Carboni e Cittadino,svincolati), cui va aggiunto Orchi la cui metà è stata riscattata dal Catanzaro.
In seconda divisione troviamo il solo Scardina, ritornato al Poggibonsi,squadra in cui ha militato nella seconda parte della scorsa stagione senza lasciare il segno.

Stampa

[Pagelle Serie A] Roma - Verona 3-0 [01-09-2013]

roma-verona-pjanic-770x399

 

DE SANCTIS, sv: ed e` ancora una volta un'ottima notizia

MAICON, 7: nel p.t. non aveva impressionato bene quanto a Livorno, ma poi nella ripresa (dopo un buon cross per Pjanic a inizio frazione), sblocca il risultato al 57mo imbeccato da Totti con un pallone centrato che viene divelto in porta, poi una grande iniziativa al 61mo con tiro dal lato corto parato. Lascia un po' troppo spazio a Juanito sul tiro 'alla Del Piero' all'82mo.

BENATIA, 6.5: ostacola Toni, che manda a lato di testa al 28mo, poi una buona chiusura di testa a centro area al 32mo e ferma bene una discesa palla al piede al 50mo.

CASTAN, 6+: tutto bene, meno appariscente di Benatia. Il voto e` frutto del poco lavoro a cui e` chiamato.

BALZARETTI, 5.5: nota dolente, nel p.t. un cross sballato al 14mo, viene scherzato da Jorginho al 22mo e tanti interventi fallosi in ritardo, rimedia il giallo anche troppo tardi. Leggermente meglio nella ripresa anche se batte su Rafael al 62mo sul lato corto, da due passi.

PJANIC, 7+: partita discontinua nel p.t., un tiro da fuori al 9no messo in angolo da Rafael e poi timido giro palla, inizia la ripresa con un po' piu` iniziativa ma non e` colpitore di testa e si vede sul cross di Maicon a inizio frazione. La svolta nella sua partita e` il gol del raddoppio, un capolavoro di memoria Tottiana: prende palla al limite dell'area al 59mo, la difesa e` piazzata ma Rafael e` fuori dai pali, lui se ne accorge e lo uccella con un cucchiaio calibrato al millimetro. Dopo di che gli spazi si aprono e puo` divertirsi nel palleggio.

- BRADLEY, sv.

DE ROSSI, 7: il migliore staccato del p.t., inventa il lancio-assist per Florenzi al 4to che poteva indirizzare da subito la partita, prova il tiro da distanza siderale al 15mo, mettendo in difficolta` Rafael. Al 26mo grande slalom sulla trequarti che guadagna un calcio di punizione, nella ripresa puo` limitarsi alla fase difensiva e lo fa in maniera egregia, arpionando tanti palloni e opponendosi a un tiro pericoloso da fuori area. Un De Rossi cosi` per due partite di fila con la maglia della Roma non si vedeva da un po'.

STROOTMAN, 7: i leggeri malus per le occasioni spedite su Rafael (al 39mo su inserimento imbeccato da Totti, al 45mo sottoporta su pallone centrato da Gervinho e all'83mo quando prova a chiudere l'angolo su passaggio un po' troppo largo di Gervinho), sono riequilibrati dalla palla sradicata sulla trequarti che propizia l'1-0 e il salvataggio sulla linea all'84mo sugli sviluppi di un angolo, per il resto corsa continua, personalita` sembra il giocatore che ci puo` far fare il salto di qualita`.

- TADDEI, sv.

FLORENZI, 6-: solito impegno, la prestazione e` da sufficienza abbondante ma bisogna tener conto dell'errore al 4to, su inserimento pefetto su lancio di De Rossi ma prova la conclusione felpata e manda a lato, poi viene ammonito per un intervento in ritardo su una ripartenza partita da un suo appoggio sbagliato per Totti, nella ripresa anticipato in angolo al 51mo su un buon inserimento di testa.

- LJAJIC, 7+: entra e leva punti di riferimento alla difesa che aveva preso le misure ai movimenti Florenzi-Totti-Gervinho e il risultato cambia subito, poi confeziona in collaborazione con Totti l'assist per Balzaretti al 62mo, infine si presenta ufficialmente ai tifosi della Roma con un bolide di destro da fuori area che si insacca per il 3-0 al 67mo. Poco dopo viene atterratto all'ingresso in area di rigore su assist filtrante di Totti, il contatto e` dubbio ma non viene ravvisato nulla.

TOTTI, 7.5: il migliore (dopo Garcia): e` vero non segna, e` vero non da i riferimenti tipici del centravanti d'area di rigore, e` vero sbaglia qualche esecuzione (un tiro alto dal vertice dell'area al 41mo, un lancio sballato al 48mo), ma numeri alla mano oltre a propiziare il primo gol imbeccando l'inserimento di Maicon tra le linee al 57mo, mette ben 5 volte un compagno a tu per tu col portiere avversario: al 10mo mette un pallone sul dischetto della porta per Gervinho, che liscia, con uno scavalletto, al 39mo imbecca Strootman per l'inserimento sul lato corto, al 74mo mette Gervinho davanti a Rafael, al 78mo inventa un filtrante per Ljajic che viene abbattuto alle spalle all'ingresso in area con solo il portiere davanti, all'83mo mette un altro pallone da favola a Gervinho, sempre messo davanti al portiere. Nel p.t. un bel diagonale teso su punizione, parato da Rafael e nel finale un tiro di prima intenzione, forte ma leggermente alto al 91mo su servizio di Gervinho. E poi le giocate di tacco utili (un tunnel di tacco mentre subisce fallo nel p.t. mette Pjanic in condizione di crossare dal fondo indistrubato) e gli interventi in scivolata per recuperare i palloni in pressing... Ancora un fuoriclasse, ancora un punto di riferimento per la manovra che non ha eguali nella rosa.

GERVINHO, 6+: un po' timido a inizio partita, poi svaria sulla dx e trova un buono spunto sul lato corto al 6to con tiro-cross deflesso e ancora al 45mo con pallone centrato sotto misura per Strootman, un buon pallone in scarico all'indietro per Totti al 91mo. Tatticamente meglio del previsto e fisicamente meglio di Livorno ma deve essere penalizzato per ben 3 esecuzioni imprecise sotto porta (all'11mo non aggancia lo scavalletto di Totti, al 60mo lanciato in profondita` scarica il diagonale sui piedi di Rafael, cosi` come al 74mo da due passi su assist di Totti) e una mezza e mezza (all'83mo Totti gli regala un altro assist ma dopo gli errori precedenti lui decide di non tirare ma di allargare per Strootman, leggermente fuori giri).

All. GARCIA, 8: ancora nessun gol subito, nessuna occasione concessa fino al 3-0 (e anche a quel punto solo su tiri da fuori area, segno che la concentrazione rimane), si creano occasioni dall'inizio ma senza sbilanciarsi e non si perde la pazienza se non le si trasformano. Arrivato il vantaggio non ci si lascia andare, regalando subito l'occasione da gol come quasi sempre negli ultimi 5 anni, ma si sfrutta la pressione imposta agli avversari per raddoppiare nel giro di due minuti. Parte bilanciando Pjanic a centrocampo con Florenzi tornante, poi il risultato non si sblocca e osa le tre punte e mezza con Ljajic, poi trovato il doppio vantaggio riequilibra tutto con Bradley. Urla ai suoi anche sul 3-0, sembra aver resuscitato De Rossi: decisivo, nel segno della normalita`. Fa il meglio con quello che ha, non disdegnando il Totti-centravanti: l'ortodossia non abita piu` a Trigoria, la concretezza non significa avvilimento ma la ricerca del bello nell'utile.

Stampa

[Pagelle Serie A] Livorno - Roma 0-2 [25-8-2013]

DDR goal Livorno

 

DE SANCTIS, sv.: e dopo non esser mai riusciti a tenere la porta inviolata nel precampionato e` un'ottima notizia...

MAICON, 7-: nel p.t. e` un treno, spinta costante, palloni strappati con lo strapotere fisico: una buona diagonale difensiva all'8vo, una bella iniziativa sul lato corto con diagonale parato da Bardi al 17mo, nella ripresa un po' piu` sulle sue ma costringe Bardi a deviare sopra la traversa dopo un palleggio e tiro da fuori al 35mo (tipo il gol che fece alla Juve nell'anno della tripletta interista). Il meno per un retropassaggio di testa fuori misura che rischia il patatrac...

BENATIA, 6: non per sfiducia ma perche` e` stato quasi inoperoso...

CASTAN, 6.5: come Benatia deve fare poco ma ha il merito di sventare l'unico pericolo concreto con una gran chiusura al 36mo dopo il retropassaggio sbagliato di Maicon e quello di effettuare il lancio lungo per il gol di Florenzi.

BALZARETTI, 5.5: non soffre mai dietro ed e` bravo a tarare le discese alternandole a quelle di Maicon ma come al solito manca la precisione, un tiro-cross orribile, nel nulla, al 31mo e un tiro sbilanco da bordo area al 46mo, orripilante.

PJANIC, 6.5: offre a Totti il retropassaggio per il tiro al volo al 24mo e nella ripresa pennella il pallone in profondita` per Borriello al 47mo, in generale molta piu` continuita` e personalita` del solito.

- TADDEI, sv.

DE ROSSI, 7: p.t. senza infamia e senza lode (anche se Bardi compie un miracolo su un suo tiro scagliato a fuorigioco - dubbio - gia` segnalato), nella ripresa inventa il lancio per Florenzi al 57mo e segna l'1-0 con un bolide da fuori area da De Rossi 'vecchie maniere'.

BRADLEY, 6: la solita corsa generosa, il solito pressing ovunque, anche se un suo errore in disimpegno al 22mo costringe Castan al fallo da giallo.

FLORENZI, 7.5: ci fara` divertire, giocatore sottovalutato... un tiro da bordo area al 2ndo sugli sviluppi di una punizione, parato da Bardi, poi Bardi gli para un bel tiro su taglio diagonale al 57mo, colpisce il palo con un gran diagonale al 64mo, poi segna il 2-0 con un diagonale ancora piu` difficile, al volo al 68mo su lancio spiovente lunghissimo, eppure si dice che e` scarso tecnicamente (mi vengono in mente un paio di giocatori che se avessero fatto quel gol partiva il paragone con Romario...)

- MARQUINHO, sv.

BORRIELLO, 5.5: generosissimo, grandissima professionalita` nell'impegno ma si impappina una prima volta su una bella palla in area al 20mo, poi manda abbondantemente fuori di testa al 35mo su calcio d'angolo ed e` ancora una volta macchinoso sul lancio di Pjanic a inizio s.t. Peccato che venga fermato in fuori gioco al 33mo quando era in posizione regolare e lanciato a rete da solo.

- GERVINHO, 5.5: mezz'ora abbondante di nulla nonostante il Livorno sia piu` stanco e lasci piu` spazi in virtu` del risultato che si sblocca quasi subito dopo il suo ingresso.

TOTTI, 6.5: imbecca Florenzi al 2ndo su punizione, un bellissimo tiro al volo al 24mo, di poco a lato e poi un tiro siderale al 28mo, dai 30 metri, che scheggia la parte alta della traversa. Nella ripresa imbecca Florenzi nello spazio davanti al portiere con la sua classica giocata da finto-centravanti in occasione del palo. Sul 2-0 tira i remi in barca.

All. GARCIA, 7: questa splendida, sconosciuta normalita`... si passa la palla in difesa finche` non si crea qualche occasione interessante per giocarla avanti, se sale un tx l'altro si ferma dietro, si pressa ma senza lasciare i buchi dietro, se capita si fa anche il lancione o si spazza in tribuna... bilancia la presenza di Pjanici in mediana con Florenzi tornante (e Florenzi con lui puo` essere un top player, lo dico ora...), sfrutta la versatilita` di Totti nel finale... insomma tutto normale, ma qui non ci siamo abituati...

 

 

Jack l'Irlandese

Stampa

Meteore giallorosse: Giuseppe Colucci

Nell’estate del 1999 Franco Sensi porta a Roma Giuseppe Colucci, uno dei giovani più promettenti del “suo” Foggia appena retrocesso in c-2. Viene subito ceduto in prestito al Bordeaux dove non riesce ad esordire in Ligue 1. In compenso colleziona 2 presenze in Champions League: gioca una mezzora nel pesante k.o. interno (1-4) col Valencia di Cuper ( che si arrenderà solo in finale contro il Real) e 20 minuti nel 3-3 contro la Fiorentina del Trap e di Batigol. Nel 2000-01 esordisce in A giocando con continuità nel Verona che raggiunge la salvezza nello spareggio con la Reggina. L’anno successivo colleziona solo 11 presenze sotto la guida di Malesani che con Camoranesi,Mutu e Gilardino (oltre ai vari Oddo,Cassetti,P.Cannavaro) retrocede in serie B dopo aver addirittura coltivato ambizioni europee nel girone d’andata.In questa stagione, complice anche un infortunio alla caviglia in Verona-Inter, Colucci si fa notare non tanto per le sue prestazioni sul campo ma per la sua vittoriosa battaglia in tribunale per ottenere l’esenzione dalla leva. Il suo avvocato si rifà ad una norma che prevede la dispensa dalla leva per meriti speciali per i cittadini impegnati sul piano nazionale o internazionale nell'arte, nella scienza e nella cultura. "Colucci è un artista nel suo campo" questa è la tesi del suo avvocato…Nel 2002/03 passa al Modena dove mette insieme 31 presenze e 4 gol, prima di passare al Brescia di Roby Baggio. La stagione 2004/05 è senza dubbio la migliore nella sua carriera, nella Reggina di Mazzarri segna 5 reti, una nella famigerata Reggina-Juventus 2-1 con Paparesta chiuso nello spogliatoio da Moggi. Il campionato 2005/06 lo gioca a Livorno (allenato da Donadoni e Mazzone) ottenendo un nono posto che varrà la qualificazione Uefa grazie alle sentenze su Calciopoli. Nel 2006/07 passa a Catania ( gioca il secondo tempo del celebre Roma-Catania 7-0), in 24 incontri segna 3 reti tutte alla Lazio: 2 gol (+ assist a Spinesi ) in Catania-Lazio 3-1, e gol nella sconfitta all’Olimpico del girone di ritorno. L’anno successivo è ancora a Catania e gioca un’ora nella famosa Catania-Roma 1-1. Nel 2008/09 il Catania lo mette fuori rosa ed a gennaio passa al Chievo Verona. L’esordio in gialloblu avviene proprio in Chievo-Catania e Colucci si toglie la soddisfazione di segnare il gol dell’1-1 al 92’. Seguiranno 3 stagioni a Cesena (promozione in A, salvezza ed altra retrocessione con Mutu). Si trasferisce poi al Pescara neopromosso in A dove resta fino a gennaio prima di fare ritorno alla Reggina, dove milita attualmente.
 
antoniocs
Stampa

[Pagelle Amichevole] As Roma - Toronto F.C. 4-1 [7-8-2013]

DE SANCTIS sv. non puo` nulla sul gol

LOBONT sv.

MAICON, 6.5: giunti a fine p.t., dopo il sudore di 45 minuti di corsa, la maglia bianca non perdona... nei suoi tentativi di anticipo in sospensione su palle a mezz'altezza si percepisce la sua pesantezza... ma poi c'e` la tecnica e al 25mo salta l'uomo di prepotenza e appoggia a Florenzi il piu` comodo degli assist

ROMAGNOLI, sv.

JEDVAI, 6: entrata irruenta al 32mo, prende la palla ma falcia l'avversario col piede di richiamo, succede di nuovo nella ripresa, sono difetti 'minori' ma vanno corretti, ricordo che anche De Rossi lo faceva spesso nei primissimi anni di Serie A. Cmq fa il suo lavoro sporco, a differenza di Burdisso, lontano dall'area.

TOROSIDIS, sv.

BURDISSO, 5+: in fase di rinvio, si fa soffiare palla dall'ala al 4to sul lato corto regalando un angolo, bella chiusura in scivolata sul lato corto al 7mo, sventa un contropiede scaturito da fallo non segnalato. Autogol sfortunato, si oppone a un cross basso e teso e non puo` far altro che defletterla in rete, si perde il 17 al 28mo su un passaggio al bordo della nostra area di rigore sul filo del fuorigioco, per fortuna quello se lo magna, nel s.t. manca l'intervento in spaccata su un filtrante al 52mo e regala una palla gol. Male, ma facendo il centrale sx per niente aiutato dalla catena, Dodo`-Marquinho e poi Dodo`-Pjanic...

DODO`, 5+: visto tutta una partita, ripeto tanti tanti tanti tanti dubbi che TATTICAMENTE possa fare il tx in serie A, la fase difensiva inesistente (tutte le azioni pericolose del p.t. nascono da quel lato, con una facilita` disarmante), al 13mo c'e` una fase che ci sono 2 minuti di batti e ribatti sulla nostra trequarti col Toronto riversato ai bordi della nostra area pronto a 'sfondare', finalmente riusciamo a riprendere palla e cerchiamo di uscire dalla pressione, la palla arriva a lui (al bordo della nostra area, defilato laterale) e lui cosa fa? Sponda di tacco al volo, no look che riconsegna la palla agli avversari... Dice, vabbe pero` in avanti... in avanti tiro da fuori area al 5to che viene parato in quanto assolutamente grautuito, dato che poteva tirare solo sul primo palo ma aspetta qualche secondo di troppo a farlo e il portiere ci si piazza, e poi al 36mo sciupa una ripartenza veloce con un dribblig a rientrate citofonatissimo... Attenzione, non facciamo il solito errore di giudicare i giocatori solo sulla tecnica pura, quanto sono 'sciolti' nel portarsi la palla al piede, con che parte del piede fanno il primo controllo, per farlo diventare giocatore da campionato italiano ci vuole molto, moltissimo lavoro... ad oggi Florenzi, che fa anche il tornante, ed il centrocampista, che segna, fa assist e difende, se gli chiedi di punto in bianco di fare il tx, te lo fa parecchio meglio di Dodo`, almeno per le necessita` della Serie A...

BRADLEY, 6: sbaglia una verticalizzazione (diffciile) per Lamela al 9no, per il resto solita partita ordinata e generosa

VERRE, sv.

TADDEI, 5.5: interpreta il ruolo di regista in maniera piu` completa rispetto a Pjanic la partita scorsa (nel senso che dopo avere impostato 'basso' partecipa all'azione anche nel suo sviluppo), ma in maniera troppo confusionaria

STROOTMAN, sv.

MARQUINHO, sv.: ma una fascia con lui e Dodo` e` improponibile, spero Garcia lo abbia capito

PJANIC, 7.5: mi aspettavo entrasse a fare il regista con Taddei spostato interno, invece fa l'interno, risultato male dietro dove Dodo` e Burdisso continuano a soffrire, passeggiata in avanti: segna una punizione a giro per il 3-1 e poi il 4-1 sfruttando un'incertezza difensiva, ruba palla in pressing alto, salta il portiere e appoggia di tacco: il voto riflette i bonus degli episodi.

LAMELA, 5.5: quando la Roma ha preso Garcia si e` gridato al lupo al lupo nel timore che l'anomalia Totti avrebbe impedito l'esecuzione di un 4-3-3 'largo'. In realta` Totti e` un surplus, per giocare in Serie A bisogna sfruttare i propri punti di forza e Garcia lo ha capito scegliendo di adattarsi, tant'e` che anche nella partita in cui manca Totti, Lamela, che quando Totti e` in campo fa la punta esterna che attacca la profondita`, va di fatto a fare il trequartista che si abbassa a raccogliere la palla da Taddei sulla trequarti in posizione centrale e che di volta in volta si allarga anche sulla fascia opposta rispetto a quella da cui parte se le opportunita` lo richiedono. Un indizio, di quello che vuole Garcia, insomma. Solo che Lamela il playmaker che 'legge' l'azione non lo sa ancora fa bene quanto Totti e il risultato e` che vaga spaesato senza mai saltare l'uomo... Ps: ad oggi l'attacco della Roma e` Florenzi tornante a dx o a sx a seconda che giochi con Totti suggeritore e Lamela centravanti o Lamela suggeritore a dx e Totti 'finto nueve'..

TALLO, sv.

BORRIELLO, 6+: prova il cucchiaio al 6to, alto e poi il portiere era fra i pali... segna il 2-1 sovrastando di testa il proprio marcatore al 32mo. Per il resto, imballato...

FLORENZI, 7.5: segna il pareggio appoggiando di tacco sottoporta al 25mo il cross di Maicon e pennella alla perfezione il cross per il gol di Borriello. Bello scaldabagno da fuoriarea al 40mo su uno schema da calcio d'angolo, il portiere si tuffa e para. Ad oggi, in tutti i ruoli in cui lo ha provato Garcia si e` dimostrato il migliore nell'intepretazione. Imprescindibile, e l'insistenza nel proporlo tornante mi fa pensare che Garcia stia capendo quali misure deve prendere per applicare le sue idee in serie a e mi rincuora. Mi sbilancio: se Garcia gli trovera` un posto assiduamente, quest'anno Florenzi diventa un top player, come e` successo a Marchisio nel primo anno di Conte

TOTTI sv. un gran filtrante 'no look' per Borriello all'80mo, viene fischiato un fuorigioco dubbio. Un tiro alto al 90mo. In generale con lui 'suggeritore' al posto di Lamela e Strootman 'trattore' la manovra diventa molto piu` fluida e imprevedibile

All. GARCIA, 6-: bene la scelta 'italianista' di 2 punte + Florenzi tornante, bene l'iniezione di fiducia a Maicon e le ripartenze veloci col portiere. Appunti (non proprio cose negative, nel senso che i cambi mi fanno pensare che abbia imparato e non le rifara`): Dodo` e Marquinho entrambi in campo, difensivamente insostenibile, Burdisso dal lato di Dodo`, non gli aregge...

 

Il nostro Forum: sempre insieme con te!

Il cuore del nostro sito è il nostro forum: As Roma Forum. Come il nome del portale che lo ospita. Ore ed ore a parlare della nostra Roma, dei nostro giocatori, dei nostri momenti indimenticabili, delle nostre avventure al fianco della squadra, delle nostre trasferte..

Se vuoi commentare tutte le avventure del mondo Roma non ti limitare a leggere il nostro sito ma iscriviti a questo indirizzo.

Utenti online